Consigli Utili

Alimentazione e Denti

By: | Tags: | Comments: 0 | settembre 5th, 2016

Il prof. Enrico Gherlone, primario dell’Unità di Odontoiatria dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, e la sua équipe, ci spiegano come mantenere in salute il nostro sorriso.

Perché sono aumentate le malocclusioni?
Ci sembra che sia aumentato il numero di pazienti sottoposto a trattamento ortodontico. Ciò è certamente dovuto ad un miglioramento delle condizioni sociali della popolazione ed a un desiderio maggiore di soluzioni funzionali ed estetiche migliorative. Non è corretto dire che al giorno d’oggi la malocclusione sia in aumento poiché questo dato non è avvalorato da dati scientificamente accettati. Certamente, da un punto di vista filogenetico nell’arco di centinaia d’anni le modificazioni alimentari hanno fatto sì che il patrimonio dentario della popolazione tendesse a modificarsi: in altre parole l’uso di alimenti sempre più raffinati ha reso minore la necessità di avere tanti denti, ma è lecito pensare che questo evento si compirà in modo più eclatante durante i prossimi secoli.
La causa maggiore di carie dentale è l’influenza degli zuccheri, una dieta ricca di zuccheri e una non corretta igiene orale quotidiana è più predisponente.

Bollicine alla cola, possiamo berle? Per lo smalto dei denti le bibite frizzanti sono davvero così dannose? In linea generale le bevande gassate, ricche di carbonati di calcio e acido fosforico, se assunte in quantità non moderate possono essere dannose in quanto dissolvono lo smalto dei denti. Non si devono lavare i denti subito dopo averle bevute, lo smalto sul lungo periodo potrebbe risentirne.

“Smentiamo il mito dei miti “I denti vanno lavati immediatamente dopo i pasti”. – afferma Elisabetta Polizzi igienista dentale all’IRCCS Ospedale San Raffaele – Su quanto tempo aspettare prima di lavare i denti dopo ogni pasto la prescrizione attuale è di praticare l’igiene orale entro 30 minuti dal pasto, per evitare l’azione demineralizzante dei cibi a ph acido. Subito dopo aver assunto bevande o cibi a ph acido come succhi di  frutta, pomodoro, bibite frizzanti ecc, si può sciacquare la bocca con acqua dopo il pasto, lo smalto in questo momento è più fragile ed è meglio attendere per lavarsi i denti con lo spazzolino.

cioccolato-denti2Carie e alimentazioni. Tra carnivori e vegetariani c’è una diversa incidenza nell’insorgenza della carie?
Il tipo di cibo indubbiamente gioca un ruolo importante nell’insorgenza della carie, ma sempre quando c’è una cattiva igiene orale. Certamente i residui di cibo, così come i cibi ricchi di zuccheri, se non rimossi subito attraverso le manovre d’igiene orale, possono favorire l’insorgenza della carie.
Altri fattori giocano anche un ruolo importante. Mi riferisco per esempio alla presenza di malocclusioni. Un soggetto con denti perfettamente allineati, ma scarsa igiene orale, per esempio, è meno soggetto all’insorgenza della carie, rispetto ad un paziente con denti molto affollati, pur praticando una scrupolosa igiene orale.

Si eredita l’immunità alla carie?
In generale il sistema immunitario di un soggetto subisce l’influenza dell’ereditarietà. Considerando che le capacità immunitarie dell’individuo sono alla base dei meccanismi di difesa nei confronti di tutte le patologie infettive, ecco spiegato come alcuni pazienti sono sempre dal dentista, pur praticando una scrupolosa igiene orale, ed altri no.
Le capacità di difesa dell’organismo cambiano anche durante la vita di un singolo individuo. Per esempio durante l’età giovanile, alcuni soggetti predisposti alla carie, vengono colpiti in modo molto aggressivo dalla stessa, ma poi, in età adulta, gli stessi soggetti non manifestano più carie per molti anni. Di certo questa riduzione dell’insorgenza della carie non è legata a cambiamenti radicali delle abitudini alimentari!